Prezzi gas sempre più alti: perché e cosa accade

L’Europa sta affrontando una continua volatilità nei suoi mercati del gas all’ingrosso, spingendo le preoccupazioni in tutta la regione che una crisi energetica potrebbe essere in procinto di peggiorare ulteriormente.

Il prezzo del gas del primo mese all’hub olandese TTF, un punto di riferimento europeo per il commercio del gas naturale, è di circa il 5% più alto oggi, con un prezzo di 93,3 euro per megawatt-ora. Anche i contratti per la consegna di marzo e aprile sono stati aumentati del 5% mercoledì, secondo l’Intercontinental Exchange di New York.

Nel frattempo, il prezzo day-ahead europeo è aumentato a 94 euro per megawatt-ora, secondo i dati di Reuters. Anche se siamo lontani dal picco di circa 182,3 euro visto a dicembre, l’attività di mercoledì ha ancora segnato un aumento significativo dei prezzi dalla fine del 2021, quando i prezzi sono scesi sotto i 70 euro per megawatt-ora.

Mercoledì ha anche visto i prezzi dell’energia elettrica tedesca baseload day-ahead guadagnare più del 50%, mentre i loro equivalenti francesi sono aumentati del 17% durante i primi scambi, secondo Reuters. Un movimento che arriva dopo che i prezzi di riferimento europei del gas sono saliti del 30% martedì, tra le preoccupazioni per un inverno freddo, le basse scorte di gas e la Russia che limita la fornitura all’Europa. Nel corso del 2021, i prezzi europei del gas all’ingrosso sono aumentati di oltre il 400%, stabilendo nuovi record.

Il ruolo della Russia

Ole Hansen, capo della strategia delle materie prime alla Saxo Bank, ha detto alla CNBC in una e-mail che i prezzi del gas nell’UE e nel Regno Unito sono rimasti in balia del tempo, del ritmo delle spedizioni e della Russia.

Nel mese di gennaio, il prezzo del gas ha ripreso la sua ascesa, di nuovo con la prospettiva di un tempo più freddo che guida una maggiore domanda di riscaldamento e forniture molto, molto basse dalla Russia, soprattutto attraverso due importanti gasdotti attraverso la Polonia e l’Ucraina“, ha aggiunto Hansen. “Se la Russia stia deliberatamente mantenendo basse le forniture a causa dei ritardi nell’approvazione del gasdotto Nord Stream 2 e della crisi al confine con l’Ucraina è difficile da dire. Ma mette in evidenza il fallimento delle politiche energetiche e di stoccaggio in Europa e nel Regno Unito, che ha lasciato la regione molto dipendente dalle importazioni di gas, soprattutto dato il livello ancora inaffidabile di produzione di energia da fonti rinnovabili“.

Perché i prezzi del gas naturale sono alti

I contratti di gas naturale del primo mese nel Regno Unito sono saliti di quasi il 6% mercoledì, con i contratti per la consegna di aprile che hanno guadagnato più del 7%.

Nel frattempo, i prezzi day-ahead al National Balancing Point, il punto di riferimento del Regno Unito per il commercio del gas naturale, sono aumentati di oltre il 10% a circa £ 2,25 per term.

Il Regno Unito è particolarmente dipendente dal gas naturale come fonte di energia, con più di 22 milioni di famiglie collegate alla rete del gas del paese. La più grande fonte singola di gas della Gran Bretagna è la piattaforma continentale britannica, che ha costituito circa il 48% della fornitura totale nel 2020. Tuttavia, la UCS è una fonte matura, il che significa che deve essere integrata con gas importato dai mercati internazionali.

Il Regno Unito ha dei limiti su quanto i fornitori sono in grado di far pagare l’energia ai consumatori, con limiti di prezzo rivisti dal governo ogni sei mesi. La prossima revisione è prevista per febbraio.

Parlando in una conferenza stampa martedì, il primo ministro Boris Johnson ha detto che il governo “non esclude” misure come tagli fiscali per mantenere stabili i prezzi dell’energia, anche se ha messo in dubbio l’efficacia di una tale mossa. L’ente commerciale Energy U.K. ha detto alla BBC a dicembre che si aspettava che le bollette energetiche nel paese aumentassero fino al 50% in primavera. L’impennata del costo del gas all’ingrosso ha portato al collasso di un certo numero di fornitori di energia brita

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi