Cina, perché i profitti delle imprese rallentano

I profitti delle imprese industriali cinesi sono cresciuti ad un ritmo molto più lento nel mese di novembre, secondo quanto rivela l’ufficio nazionale di statistica, a causa della pressione del crollo dei prezzi di alcune materie prime, un mercato immobiliare vacillante e una domanda dei consumatori più debole.

I profitti sono così aumentati del 9,0% su base annua a novembre a 805,96 miliardi di yuan (126,54 miliardi di dollari), ben lontano dal guadagno del 24,6% riportato in ottobre. Per il periodo gennaio-novembre, i profitti delle imprese industriali sono aumentati del 38,0% su base annua a 7,98 trilioni di yuan, più lentamente dell’aumento del 42,2% nei primi 10 mesi del 2021, ha detto ancora l’ufficio di statistica.

Zhu Hong, statistico senior della NBS, ha ricordato che sebbene gli sforzi dello Stato per raffreddare l’impennata dei prezzi all’ingrosso a novembre hanno tolto le pressioni sui costi dalle industrie a valle, le restrizioni hanno significato che il contributo dei settori minerario e delle materie prime alla crescita complessiva dei profitti si è indebolito. Tuttavia, “le aziende devono ancora affrontare grandi pressioni sui costi, e il miglioramento dei profitti per il settore a valle deve essere ulteriormente consolidato“, ha detto Zhu in una dichiarazione che accompagna il rilascio dei dati.

L’inflazione si è dunque raffreddata leggermente in novembre, guidato da un giro di vite del governo sui prezzi delle materie prime in fuga e da una scrematura di potere che si allenta mentre Pechino ha rimescolato per diminuire gli effetti economici paralizzanti dei costi aumentanti.

La seconda più grande economia del mondo, che ha perso spinta propulsiva dopo una solida ripresa dalla pandemia dell’anno scorso, affronta molteplici sfide come la flessione del mercato immobiliare, le strozzature dell’offerta persistono e le severe restrizioni di Covid-19 che colpiscono la spesa dei consumatori.

La People’s Bank of China questo mese ha tagliato la quantità di denaro che le banche devono tenere in riserva e ha abbassato il tasso di prestito di riferimento a un anno per stimolare la crescita.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi