Gli Stati Uniti considerano Alibaba un rischio per la sicurezza nazionale?

L’amministrazione Biden sta esaminando il business cloud del gigante dell’e-commerce Alibaba per determinare se rappresenta un rischio per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, secondo quanto riferito da alcune persone informate sulla questione, con il governo che aumenta il controllo dei rapporti delle aziende tecnologiche cinesi con le imprese statunitensi.

Il focus è attualmente incentrato su come la società memorizza i dati dei clienti statunitensi, comprese le informazioni personali e la proprietà intellettuale, e se il governo cinese potrebbe ottenere l’accesso ad esso, la gente ha detto. Il potenziale per Pechino di interrompere l’accesso da parte degli utenti statunitensi alle loro informazioni memorizzate sul cloud Alibaba è altresì una preoccupazione.

I regolatori statunitensi potrebbero alla fine scegliere di costringere l’azienda a prendere misure per ridurre i rischi posti dal business del cloud o proibire agli americani in patria e all’estero di utilizzare il servizio del tutto.

Il Dipartimento del Commercio dell’ex presidente Donald Trump si era già dichiarato preoccupato per il business cloud di Alibaba, ma l’amministrazione Biden ha lanciato la revisione formale dopo il suo insediamento a gennaio, secondo una delle tre persone e un ex funzionario dell’amministrazione Trump.

Il business cloud di Alibaba negli Stati Uniti è relativamente piccolo, con un fatturato annuo di meno di 50 milioni di dollari, secondo la società di ricerca Gartner Inc. Ma se i regolatori alla fine decidessero di bloccare le transazioni tra le imprese americane e Alibaba Cloud, ciò danneggerebbe la linea di fondo di uno dei business più promettenti della società e darebbe un colpo alla reputazione della società nel suo complesso.

Un portavoce del Dipartimento del Commercio ha detto che l’agenzia non commenta “l’esistenza o la non esistenza di revisioni delle transazioni”. L’ambasciata cinese a Washington non ha risposto a una richiesta di commento.

Anche Alibaba si è rifiutata di commentare, ma ha segnalato preoccupazioni simili su come operare negli Stati Uniti nel suo più recente rapporto annuale, dicendo che alle aziende statunitensi che hanno contratti con Alibaba “può essere vietato di continuare a fare affari con noi, compresa l’esecuzione dei loro obblighi ai sensi degli accordi che coinvolgono i nostri… servizi cloud”.

L’amministrazione Trump ha emesso un avvertimento nel mese di agosto, 2020 contro i fornitori di cloud cinesi, tra cui Alibaba, “per evitare che le informazioni personali più sensibili dei cittadini statunitensi e la proprietà intellettuale più preziosa delle nostre imprese … siano memorizzati ed elaborati su sistemi basati su cloud accessibili ai nostri avversari stranieri”.

I server cloud sono anche visti come potenziale veicolo per gli hacker, per lanciare attacchi informatici, perché possono nascondere l’origine dell’attacco e offrire accesso a una vasta gamma di reti di clienti. Sebbene ci siano pochi casi pubblici in cui il governo cinese ha costretto una società tecnologica a consegnare i dati sensibili dei clienti, le accuse di hacker cinesi rivelano il loro uso di server cloud per ottenere l’accesso alle informazioni private.

Ad esempio, gli hacker collegati al Ministero della Sicurezza di Stato cinese sono penetrati nel servizio di cloud computing di HPE e lo hanno usato come piattaforma di lancio per attaccare i clienti, saccheggiando risme di segreti aziendali e governativi per anni in quello che i procuratori statunitensi dicono essere uno sforzo per promuovere gli interessi economici cinesi.

Alibaba, il quarto più grande fornitore di cloud al mondo secondo la società di ricerca Canalys, ha circa 4 milioni di clienti e descrive il suo business cloud come il suo “secondo pilastro di crescita”. Ha visto un aumento del 50% delle entrate a 9,2 miliardi di dollari nel 2020, anche se la divisione rappresenta solo l’8% delle vendite complessive. Ha vantato relazioni commerciali con le unità delle migliori aziende statunitensi tra cui Ford Motor Co , Red Hat di IBM, e Hewlett Packard Enterprise.

Sebbene gli ampi poteri dell’era Trump non coprono le filiali straniere delle aziende statunitensi, i regolatori statunitensi hanno precedentemente trovato modi per collegarle alle loro società madri statunitensi, che possono a loro volta essere soggette a restrizioni.

Peraltro, prima che le tensioni tecnologiche tra Stati Uniti e Cina iniziassero a bollire, Alibaba aveva grandi ambizioni per il suo business cloud statunitense. Nel 2015, ha lanciato un hub di cloud computing nella Silicon Valley, il suo primo fuori dalla Cina, con l’intenzione di competere con Amazon.com Inc, Microsoft Corp e Alphabet Inc’s Google. In seguito ha aggiunto altri centri dati lì e in Virginia.

Nel 2018, le autorità statunitensi hanno bloccato un’offerta di Ant Financial, ora Ant Group, affiliata di Alibaba, per acquisire la società di trasferimento di denaro statunitense MoneyGram International per questioni di sicurezza nazionale. Ma una mossa per mettere Ant Group in una lista nera commerciale è fallita e un ordine esecutivo che vieta la sua app di pagamento mobile Alipay è stato revocato da Biden.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi