Stagflazione: cos’è e perché la Cina ci sta andando incontro

Ci sono segnali di stagflazione in Cina, considerato che i prezzi continuano a salire mentre gli ultimi dati di produzione mostrano un rallentamento della produzione. A sostenerlo sono alcuni dei più autorevoli economisti, secondo cui l’attività delle fabbriche cinesi si è contratta più del previsto in ottobre, restringendosi per un secondo mese consecutivo. L’indice PMI dei direttori d’acquisto del settore manifatturiero per ottobre è arrivato a 49,2 punti, scendendo dunque sotto il livello di 50 punti che separa l’espansione dalla contrazione.

L’opinione di Pinpoint

Zhang Zhiwei, capo economista di Pinpoint Asset Management, ha in merito affermato che l’indice di produzione è sceso al livello più basso da quando è stato pubblicato nel 2005, escludendo la crisi finanziaria globale del 2008 e lo scoppio del Covid-19 nel febbraio dello scorso anno. Al contrario, l’indice dei prezzi alla produzione è salito al livello più alto da quando è stato pubblicato nel 2016, ha detto Zhang.

Questi segnali confermano che l’economia cinese sta probabilmente già attraversando la stagflazione”, ha detto in una nota.

Cos’è la stagflazione

La stagflazione è quando l’economia sta vivendo contemporaneamente un’attività stagnante e un’inflazione in accelerazione. Il fenomeno è stato riconosciuto per la prima volta negli anni ’70, quando uno shock petrolifero ha provocato un periodo prolungato di prezzi più alti ma una crescita del PIL in forte calo.

Un segnale preoccupante è il passaggio dell’inflazione dai prezzi di input ai prezzi di output. L’inflazione dei prezzi di input è stata alta per molti mesi ormai, guidata dall’aumento dei prezzi delle materie prime“, ha scritto Zhang. “Ma il salto dell’indice dei prezzi alla produzione in ottobre è allarmante“.

Zhang ha poi indicato che la pressione inflazionistica è stata passata dalle imprese a monte a quelle a valle. A monte si riferisce ai materiali di input necessari per produrre beni, mentre le operazioni a valle sono quelle più vicine ai clienti, dove i prodotti vengono realizzati e distribuiti.

Abbiamo potuto vedere chiaramente la stagflazione industriale in Cina a causa del rafforzamento dell’indice di produzione, vedendo allo stesso tempo un forte aumento dell’indice dei prezzi. Quindi, il settore industriale è chiaramente in una situazione molto difficile“, ha aggiunto Raymond Yeung, economista.

Perché tutti sono così ossessionati dall’inflazione

La produzione delle fabbriche è stata frenata da una ridotta fornitura di energia, carenze di materiali e alti costi di input, secondo gli intervistati del sondaggio PMI manifatturiero, Capital Economics ha ricordato in una nota. La Cina sta attualmente affrontando una grave crisi energetica, poiché è alle prese con una carenza di carbone.

“Questo ha portato le imprese a dover attingere ulteriormente alle loro scorte e a tempi di consegna più lunghi. Più in particolare, queste carenze e l’aumento dei prezzi delle materie prime stanno alimentando i prezzi di produzione più elevati“, ha detto Sheana Yue, assistente economista di Capital Economics.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi