Apple permetterà agli utenti di riparare da soli i propri dispositivi

Apple ha annunciato un nuovo programma di riparazione self-service che permetterà ai clienti di acquistare parti per riparare i propri iPhone o Mac in autonomia. Il programma consentirà in primo luogo ai proprietari di iPhone di sostituire lo schermo, la batteria o la fotocamera, con altre parti che arriveranno in un secondo momento.

La mossa sembra essere una grande vittoria per i sostenitori del “diritto alla riparazione” ed è un voltafaccia per Apple. I negozi di riparazione e i lobbisti che sostengono la riforma delle riparazioni hanno chiesto ai legislatori di attuare una serie di regole che consentirebbero un maggiore accesso ai manuali e alle parti ufficiali. Ma Apple ha fatto pressioni contro la possibilità di permettere ai clienti di riparare i propri prodotti nel corso degli anni, citando specificamente le preoccupazioni per la sicurezza o i problemi di prestazioni delle parti di terze parti. Vende anche un servizio di abbonamento AppleCare+ per i suoi prodotti che offre ai consumatori riparazioni ad un costo inferiore rispetto ai non abbonati.

Il servizio sarà disponibile per l’iPhone 12 e iPhone 13 negli Stati Uniti. Più tardi, l’azienda venderà parti in modo che i consumatori possano riparare i loro Mac che girano sul chip Apple M1.

I clienti possono acquistare le parti attraverso il negozio online di riparazione self-service di Apple e gli ordini includeranno un manuale di riparazione. Gli utenti che restituiscono le parti usate in seguito per il riciclaggio possono ricevere un credito per il loro acquisto.

L’amministrazione Biden e la Federal Trade Commission hanno segnalato un focus sul diritto alla riparazione, che potrebbe aver costretto Apple ad agire su questa strada. Nel suo ordine esecutivo sulla concorrenza, il presidente ha diretto la FTC a considerare regole che impediscano “ingiuste restrizioni anticoncorrenziali sulla riparazione da parte di terzi o sull’auto-riparazione di articoli”. La FTC a luglio ha votato all’unanimità per aumentare l’applicazione delle restrizioni di riparazione.

La riparazione self-service è destinata a tecnici individuali con la conoscenza e l’esperienza per riparare i dispositivi elettronici“, ha detto l’azienda in un comunicato. “Per la stragrande maggioranza dei clienti, visitare un fornitore di riparazioni professionale con tecnici certificati che utilizzano parti originali Apple è il modo più sicuro e affidabile per ottenere una riparazione”.

Apple ha anche un “Programma di riparazione indipendente“, che permette ai negozi di riparazione di entrare in un processo di certificazione e contratto con Apple per ottenere l’accesso a strumenti e manuali Apple autentici. Ma molti prodotti sono rimasti difficili da riparare a casa o senza contatto con Apple.

Apple non ha ancora detto quanto costeranno le parti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi