Tre falsi miti che rovineranno il tuo trading

Chi si avvicina al trading online è spesso vittima dei falsi miti. Ovvero, conoscenze, frasi e valutazioni che vengono impartite dai presunti esperti, e che finiscono con il condizionare i neofiti degli investimenti.

Ebbene, al fine di non commettere gli errori che tanti altri tuoi colleghi hanno già commesso, di seguito abbiamo voluto riassumere tre falsi miti che ti salveranno da sgradite sorprese.

Il mito del cervello

“Ho perso perché non conoscevo le tecniche di trading”, ti direbbero i perdenti che credono nella “fallacia del cervello”. Molte persone credono che i buoni trader sappiano qualcosa che loro non sanno. E questa fantasia contribuisce ad una fiorente domanda di servizi di consulenza e schemi di trading precostituiti!

Un trader frustrato potrebbe prendere la sua carta di credito per acquistare link a “segreti del trading”. Potrebbe dare soldi a un ciarlatano in cambio di uno schema di trading elettronico “imperdibile” da 3.000 euro che è stato ricontrollato più volte. E quando quello schema fallisce, userà la sua carta di credito per comprare un altro “libro di testo scientifico”, che gli dice come evitare di fallire e iniziare a vincere in maniera infallibile. Naturalmente.

Ricorda invece che i trader di successo sono astuti, ma pochi sono “pensatori”. Molti non hanno mai frequentato l’università, e altri sono caduti in disgrazia. I trader sono anche attratti dal trading da persone intelligenti che hanno raggiunto il successo nelle loro professioni. Ma attenzione: l’intelligenza in un campo non rende necessariamente quel trader un guru della finanza.

Il mito della sottocapitalizzazione

Molti trader perdenti credono che se avessero un portafoglio più grande, potrebbero fare trading in modo efficace. Una serie di perdite o un singolo trade negativo è d’altronde in grado di spazzare via il conto di un investitore. E quell’investitore in quel caso si infuria, sostenendo che se avesse vissuto un’altra settimana, avrebbe fatto una fortuna invece di perdere!

Queste persone considerano le inversioni di mercato che si verificano troppo tardi come conferme dei loro metodi. Potrebbero tornare al lavoro per investire, fare un mutuo o guadagnare abbastanza soldi per aprire un altro piccolo conto. Ebbene, non funziona così: non cadere nella tentazione di pensare che se avessi avuto più tempo, avresti ottenuto grandi risultati. Se hai perso tutto il tuo capitale a causa dei trade sbagliati, è perché la tua strategia era errata fin dall’origine.

Il mito del pilota automatico

I trader che credono nel mito del pilota automatico presumono che il denaro possa essere automatizzato. Alcuni individui tentano di creare il proprio dispositivo di trading automatico, mentre altri ne acquistano uno da un rivenditore. Migliaia di euro vengono così sprecati in competenze inscatolate da uomini che hanno passato decenni a perfezionare i loro talenti come avvocati, medici o uomini d’affari.

Molti sono motivati da vanità, pigrizia e mancanza di conoscenza matematica. Prima, i sistemi venivano stampati su fogli di carta, ma ora vengono importati su una macchina. Altri sono semplici, mentre altri sono complessi, come la simulazione integrata e persino le regole di pianificazione finanziaria.

Ora, considera che pagare per meccanismi di trading automatizzati è simile ai cavalieri medievali che pagano gli alchimisti per l’arte di convertire il metallo in oro! I compiti umani che sono complessi non si portano da soli all’automazione. Gli strumenti di apprendimento basati sul computer non hanno soppiantato gli istruttori, e il software di preparazione delle tasse non ha fatto perdere il lavoro ai contabili. La maggior parte delle azioni umane richiede l’applicazione del giudizio; i computer e i sistemi assisteranno ma non sostituiranno gli umani.

Se uno schema di trading automatizzato fosse stato buono, d’altronde, quell’investitore potrebbe ritirarsi in una villa in una località di vacanza e vivere comodamente per il resto della sua vita, sostenuto da un flusso costante di denaro dal suo broker. E invece, gli unici che hanno tratto profitto dagli schemi di trading finora sono le persone che li commercializzano.

Ricorda poi che i mercati sono in continua evoluzione, rendendo inefficaci i processi di trading automatizzati. Le rigide leggi di ieri non funzioneranno altrettanto bene oggi, e in realtà smetteranno di funzionare domani. Quando un trader esperto percepisce un problema, può cambiare le sue strategie. Una macchina che si autodistrugge è meno adattabile di un sistema manuale.

È per questo che, nonostante l’uso di autopilot, le compagnie aeree pagano salari elevati ai piloti. Lo fanno perché gli esseri umani sono capaci di affrontare situazioni inaspettate. Solo una persona può affrontare emergenze come il tetto di un aereo di linea che esplode sopra il Pacifico o un aereo commerciale che perde i motori per uno stormo di oche. Dunque, mettere il tuo denaro nelle mani di un pilota automatico è come mettere la tua vita nelle mani di un pilota automatico. Il tuo conto andrà in frantumi la prima volta che succede qualcosa di imprevisto.

Questo non significa che l’autopilot sia completamente inutile. Ci sono buoni schemi di trading, ma in ogni caso devono essere regolati e adattati secondo le preferenze personali.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi