Lavoro, mai in Italia così tanta gente ne ha avuto uno (ma di che qualità?)

Prima le buone notizie: martedì scorso l’Istat ha pubblicato un aggiornamento delle proprie statistiche sugli occupati e sui disoccupati, scoprendo come lo scorso novembre lavoravano in Italia ben 23 milioni 183 mila persone, il numero più alto dal 1977 a questa parte (cioè, da quando sono iniziate le serie storiche).

Non solo: sempre in materia di buone notizie, i dati forniti dall’istituto nazionale di statistica mostrano un calo della disoccupazione e un calo della disoccupazione giovanile. C’è, però, un “ma”: opposizioni e sindacati fanno infatti notare come buona parte dei nuovi posti di lavoro siano instabili e precari, e che inoltre il tasso di disoccupazione in Italia rimane tra i più del vecchio Continente, preceduto solo da quello spagnolo e greco. Che opinione dare, allora, dell’attuale stato del mercato del lavoro italiano?

Il panorama è abbastanza complesso. Se si confrontano i dati dell’ultimo anno, si scopre infatti che sono stati creati ben 345 mila posti di lavoro, e che l’impulso è stato determinato dalla crescita dei posti di lavoro da dipendente a fronte del calo degli autonomi. Tuttavia, i primi – che sono aumentati di quasi mezzo milione di unità – sono composti solo per 48 mila da contratti a tempo indeterminato (peraltro, a tutele crescenti), mentre circa nove su dieci invece sono regolati da un contratto a termine.

Il saldo tra contratti a tempo determinato e indeterminato migliora invece se si prendono n considerazione gli ultimi quattro anni, ovvero l’inizio del governo Renzi, includendo così nel conteggio anche il periodo delle c.d. decontribuzioni, ovvero il periodo in cui chi assumeva a tempo indeterminato otteneva uno scontro fiscale della durata di tre anni.

Anche in tale ambito non mancano le diverse opinioni: i sindacati più critici sottolineano infatti che appena sono terminate le decontribuzioni, i posti precari sono tornati ad aumentare sensibilmente. Non solo: spesso i lavori precari sono anche a basso valore aggiunto, con stipendi inferiori alla media e condizioni poco soddisfacenti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi