Lavorare all’estero, ecco il Paese in cui costa di più

Il Giappone ha superato il Regno Unito divenendo il Paese più costoso in cui mandare i dipendenti all’estero a lavorare. Di fatti, il pacchetto medio in Giappone costa ai datori di lavoro 405.685 dollari – più di qualsiasi altro centro d’affari internazionale, secondo gli ultimi calcoli effettuati da “MyExpatriate Market Pay” della società di dati ECA International.

Lo studio – che prende in considerazione stipendi in contanti, benefici e tasse – indica un aumento del costo complessivo dei pacchetti per i dipendenti di medio livello in Giappone. Il Regno Unito è invece sceso dal primo posto per classificarsi come la seconda posizione più costosa per inviare dipendenti all’estero nel 2020. Gli altri che si sono classificati in alto nella lista dei costi complessivi sono stati India, Cina e Hong Kong. Francia, Stati Uniti, Svizzera, Argentina e Taiwan hanno completato la top 10.

Il direttore regionale di ECA International, Lee Quane, ha affermato in tal senso che l’aumento del Giappone è dovuto principalmente alle fluttuazioni della valuta, con lo yen giapponese che è rimasto stabile rispetto al dollaro americano l’anno scorso.

A differenza di molte altre località in Asia, i costi degli alloggi sono aumentati moderatamente a Tokyo nel 2020 rispetto al 2019.

C’è stata anche una certa inflazione in altre aree del pacchetto di compensazione e benefici“, ha aggiunto. “Ad esempio, a differenza di molte altre località in Asia, i costi degli alloggi sono aumentati moderatamente a Tokyo nel 2020 rispetto al 2019. Questo ha contribuito ad aumentare i costi dei benefici e, di conseguenza, ha portato a costi complessivi più elevati.”

Lo studio annuale ha lo scopo di assistere le aziende che cercano di trasferire il personale confrontando i loro pacchetti con il mercato. Oltre agli stipendi in contanti, molti datori di lavoro compensano i lavoratori espatriati con benefici come l’alloggio, le tasse scolastiche e il trasporto. Quest’anno, il costo complessivo dell’impiego di lavoratori espatriati è sceso in generale perché la pandemia e le conseguenti restrizioni di viaggio hanno abbassato la domanda – e quindi i costi – dell’alloggio e di altri benefici.

In molti luoghi, anche lo stipendio degli espatriati ha subito un colpo, scendendo rispetto ai livelli del 2019. Hong Kong è stata una delle poche a vedere un aumento degli stipendi degli espatriati.

Per quanto concerne gli altri risultati inattesi, Taiwan, Canada e Marocco sono state tre località che sono entrate nella top 20 nel 2020. “Il costo di impiegare un dipendente di medio livello a Taiwan è aumentato di 10.733 dollari l’anno scorso”, ha detto Quane, notando che la forte risposta dell’isola alla pandemia ha aumentato i prezzi delle case. “Di conseguenza, Taiwan ha scavalcato nazioni come la Corea del Sud e l’Australia nella nostra classifica, ed è ora la decima posizione più costosa per assumere personale all’estero”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi