Stimoli BCE, previsioni per il 2021

bceLa Banca centrale europea potrebbe ritoccare il suo programma di stimolo legato al coronavirus. Ad affermarlo è il governatore della banca centrale tedesca che ha ricordato come i membri della BCE abbiano parlato di come l’aumento dei rendimenti dei titoli di Stato nella zona euro, alla fine di febbraio, sia “sgradito e debba essere contrastato” – evidenziando le preoccupazioni che i costi di prestito per i governi europei potrebbero aumentare e rischiare la ripresa economica nella regione.

La BCE ha cercato di contenere i costi di finanziamento sulla scia della pandemia, con l’attuazione di un programma di acquisto di titoli di Stato, noto come PEPP. Ma le recenti mosse nel mercato obbligazionario potrebbero mettere a repentaglio questi sforzi e portare a ulteriori azioni da parte dell’istituzione con sede a Francoforte.

Abbiamo diversi modi per reagire a questo“, ha detto Jens Weidmann, il governatore della Bundesbank in relazione all’aumento dei rendimenti delle obbligazioni. “Il PEPP è dotato di flessibilità e possiamo usare questa flessibilità per reagire a una tale situazione“, ha aggiunto.

Da quando è stato annunciato per la prima volta nel marzo 2020, il programma di acquisto di emergenza pandemico della BCE è stato esteso in durata e quantità. Attualmente è programmato per durare fino a marzo 2022, per un totale di 1,85 trilioni di euro (2,23 trilioni di dollari).

Tuttavia, i dati hanno mostrato che gli acquisti di debito della BCE sono diminuiti nelle ultime settimane. Sebbene la banca centrale abbia spiegato il calo con maggiori rimborsi, gli analisti hanno messo in dubbio le ragioni dietro la diminuzione degli acquisti netti. Alla domanda se la BCE potesse o no aumentare gli acquisti di nuovo per affrontare i costi di prestito più elevati, Weidmann ha detto che “naturalmente questo è un elemento che è sul tavolo, per usare la flessibilità che abbiamo nell’attuazione del PEPP. Ma ancora una volta il primo passo è quello di analizzare le cause alla radice e anche di vedere quale effetto abbiamo sul nostro obiettivo finale che è la stabilità dei prezzi“, ha aggiunto.

La prossima riunione della BCE è prevista per l’11 marzo. Weidmann è stato tradizionalmente un “falco” della politica monetaria, sostenendo meno interventi da parte della banca centrale. Parlando in una conferenza stampa mercoledì, Weidmann ha ricordato i rischi di grandi acquisti di debito pubblico. “Tali acquisti sono, tuttavia, anche associati a rischi, in particolare perché possono confondere la linea tra la politica monetaria e quella fiscale“, ha detto.

“La questione chiave per me qui è che la politica monetaria deve mantenere una distanza sufficiente dal finanziamento monetario del governo. Questo include la garanzia che gli incentivi per le finanze pubbliche sane siano mantenuti”, ha aggiunto.

In questo contesto, i funzionari della BCE hanno suggerito che potrebbero non raggiungere l’intero ammontare degli acquisti di titoli di stato. Le future decisioni di stimolo dipenderanno probabilmente dall’evoluzione della pandemia e dalla dinamica dei prezzi. Il mandato politico della BCE è di mantenere l’inflazione “vicina ma inferiore al 2%” nel medio termine.

Oltre alla pandemia, la BCE sta guardando con preoccupazione anche ai rischi climatici. La banca centrale sta valutando come essere “efficace nella lotta contro il cambiamento climatico” e questo potrebbe portare a un cambiamento di alcune delle sue politiche. Tuttavia, recenti rapporti hanno suggerito che potrebbe deludere i sostenitori del cambiamento climatico comprando solo obbligazioni dei cosiddetti asset più verdi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *