Cos’è la procrastinazione?

Scomponendo la parola procrastinazione, ‘pro’ significa avanti, a favore di o futuro, e ‘crastinus’ significa domani. Una traduzione moderna potrebbe essere “lo farò domani“.

È un ritardo indesiderato, l’atto di rimandare cose che sono veramente importanti a favore di compiti meno urgenti o di impegnarsi attivamente in attività più piacevoli rispetto ad aspettative, promesse o compiti meno piacevoli. È sapere esattamente ciò che vogliamo ottenere in futuro, ma non intraprendere alcuna azione nel momento presente per rendere quel risultato futuro una realtà.

Risolvere il problema della procrastinazione significa sviluppare la capacità di rinunciare alla gratificazione immediata per il bene di un risultato a lungo termine. È l’arte di diventare meno impulsivi e facilmente sviati. Tutti possiamo essere la persona che sceglie il divertimento del momento e ciò che ci fa sentire bene in questo momento rispetto a ciò che non è altrettanto divertente ma che ci ripagherà in futuro. È una tecnica di evitamento che è una parte naturale dell’esistenza umana.

La procrastinazione non è qualcosa di nuovo. Il quadro più famoso del mondo – La Gioconda, di Leonardo Da Vinci, ha impiegato 16 anni per essere completato! Può aver procrastinato per un decennio e mezzo il sorriso della Monna Lisa, ma intanto Leonardo ha anche lavorato a schizzi di invenzioni molto più avanzate della sua epoca, compreso un elicottero del 15° secolo.

Il procrastinatore moderno è bombardato da distrazioni da tutte le angolazioni. Che si tratti di social media, telefonate, testi, e-mail, notifiche di app per tutti i settori della vita, è difficile mantenere la concentrazione in un mondo che trabocca di informazioni così facilmente a portata di mano.

Ecco perché quando si va su Google e si chiede ‘Cos’è la procrastinazione?’ si vedono apparire altre domande dello stesso genere. Uno dei suggerimenti di accompagnamento comuni è ‘La procrastinazione è un disturbo mentale?

Sorprendentemente, la procrastinazione può essere collegata ad alcuni disturbi psicologici come la depressione, il comportamento irrazionale, la bassa autostima, l’ansia e i disturbi neurologici come l’ADHD. I pazienti con lesioni neurologiche nell’area della corteccia prefrontale del cervello o quelli con uno squilibrio nel lobo frontale possono spesso essere afflitti da una miriade di diverse sfide psicologiche, neurologiche e di autostima, e la procrastinazione è un sintomo di risposte impulsive compromesse.

Potresti aver avuto una lesione cerebrale, una malattia o un trauma che ha causato un indebolimento della tua funzione neurologica. Il danno alla corteccia prefrontale può aver influenzato la tua capacità di prevedere scenari futuri per elaborare le scelte presenti.

Il modo in cui ci sentiamo su noi stessi e all’interno di noi stessi può essere un fattore che ci fa sedere sulla scala di gravità della procrastinazione. Bassa autostima, ansia e depressione possono a volte causare una sensazione di disperazione e impotenza con la procrastinazione che diventa un sintomo. Potresti sentirti simile. Potresti aver sofferto di depressione o continuare a vivere con il cane nero della depressione e risuonare con i sintomi di non avere la “forza di alzarsi e andare” per fare le cose. Questo è completamente comprensibile e normale.

Ci sono alcune persone che soffrono così tanto di procrastinazione che può influenzare tutte le aree della loro vita. Nello stesso modo in cui non si può dire a una persona depressa di “essere felice”, non si può dire a un procrastinatore di “farlo e basta!” È completamente irrispettoso e spesso non realistico.

Dinanzi a questo scenario, non c’è una soluzione unica per la procrastinazione. L’esperienza di ogni persona è qualcosa di diverso e ci può essere una vera ragione medica alla base della tendenza di qualcuno a rimandare le cose e a lottare per auto-motivarsi. Ci sono anche alcuni suggerimenti più moderni secondo i quali temporeggiamo nelle nostre azioni perché è più probabile che seguiamo i nostri impulsi naturali a fare cose che ci eccitano. La nostra vita moderna ci permette un accesso facile e veloce a così tante cose in un istante. Questo fa sì che le cellule nervose del nostro cervello rilascino dopamina ad altre cellule nervose creando un percorso neurale.

La dopamina viene rilasciata quando il cervello si aspetta una ricompensa. Aiuta a motivare l’azione. Il problema nel nostro stile di vita contemporaneo è che siamo bombardati da continui colpi di dopamina mentre tiriamo verso il bisogno e il desiderio di una ricompensa immediata. Ecco perché è così difficile resistere al controllo di Instagram, Twitter e Facebook. Si può essere ricompensati con un delizioso pasto pieno di carboidrati, grassi e zuccheri in pochi minuti dopo averlo ordinato al fast food locale.

Trauma cerebrale, depressione, ansia, bassa autostima o sovraccarico di dopamina a parte, tutti abbiamo sperimentato la procrastinazione in qualche forma. Lo psicologo di fama mondiale Sigmund Freud ha concluso che le persone hanno il desiderio istintivo di agire in un modo che ci vede cercare il piacere ed evitare il dolore per soddisfare i bisogni biologici e psicologici. Siamo cablati come esseri umani per cercare le cose piacevoli nella vita ed evitare le cose che fanno schifo. Ottima analisi, ma questo non ci aiuta quando il nostro sostentamento e la capacità di pagare il mutuo dipendono dalle nostre prestazioni sul lavoro, che dipendono completamente dalla nostra produttività.

Quindi cosa possiamo fare contro la procrastinazione se non abbiamo traumi cerebrali, malattie o farmaci che bloccano la nostra naturale capacità di fare le cose?

Superare la procrastinazione è spesso un viaggio per imparare a fidarsi di nuovo di se stessi. Facciamo queste promesse a noi stessi di agire, o di fare le cose entro un certo giorno e una certa ora, ma cosa succede? Non lo facciamo. Ci distraiamo e per questo le cose rimangono incompiute. Cosa succede alla nostra psiche interiore quando lo facciamo ripetutamente? Si perde la fiducia in noi stessi e se non possiamo fidarci di noi stessi, chi può farlo? Questa sfiducia si trasforma in sentimenti di delusione, tristezza e fallimento. Questo è un vero peccato, perché è relativamente facile da superare – se prendiamo un’azione rapida che non ci permetta di pensarci troppo!

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi