Come è nata Amazon

Considerato un pioniere della vendita al dettaglio online, Amazon.com si è sviluppata rapidamente alla fine degli anni ’90 per offrire quella che è poi diventata la più grande selezione di merce della Terra, con libri, CD, video, DVD, elettronica, giocattoli, utensili, arredamento e casalinghi, abbigliamento e gadget per la cucina, e molto altro ancora.

Attraverso accordi di terze parti, Amazon.com vende anche prodotti di noti rivenditori e venditori terzi più piccoli. A volte criticato per la sua attenzione alla quota di mercato rispetto ai profitti, nella prima parte della propria carriera, Amazon.com ha messo a tacere i timori degli investitori quando ha ottenuto il suo primo utile netto nel quarto trimestre del 2001.

Ma come è nata Amazon? Il suo sviluppo è direttamente proporzionale alla crescita delle nuove tecnologie. Nel corso degli anni Novanta, la popolarità di Internet e del World Wide Web si è diffusa in tutto il mondo, e i personal computer della maggior parte delle aziende e delle famiglie sono stati collegati in una forma o nell’altra ai provider di Internet e ai software dei browser Web.

Ebbene, con il diffondersi dell’uso di Internet nella società, le aziende hanno iniziato a guardare al web come a una nuova via per il commercio. La vendita di prodotti su Internet offriva una varietà di scelte e di opportunità. Uno dei pionieri dell’e-commerce è stato proprio Jeff Bezos, fondatore di Amazon.com.

Nel 1994, Bezos lasciò il suo lavoro come vicepresidente della società di Wall Street D.E. Shaw, si trasferì a Seattle e iniziò a elaborare un piano commerciale per quello che sarebbe diventato Amazon.com. Dopo aver letto un rapporto che prevedeva una crescita annuale del Web del 2.300 per cento, Bezos ha stilato una lista di 20 prodotti che potevano essere venduti su Internet. Ha quindi ristretto la lista a quelli che secondo lui erano i cinque più promettenti: compact disc, hardware per computer, software per computer, video e libri.

Alla fine Bezos decise che la sua impresa avrebbe venduto libri sul web, a causa del grande mercato mondiale della letteratura, del basso prezzo che poteva essere offerto per i libri e dell’enorme selezione di titoli disponibili sulla stampa. Scelse Seattle come sede centrale dell’azienda grazie alla sua grande forza lavoro ad alta tecnologia e alla sua vicinanza a un grande centro di distribuzione di libri in Oregon. Bezos ha poi lavorato per raccogliere fondi per l’azienda, lavorando anche con gli sviluppatori di software per costruire il sito web dell’azienda. Il sito web ha debuttato nel luglio del 1995 ed è diventato rapidamente il sito numero uno in materia di libri sul web.

In soli quattro mesi di attività, Amazon.com è diventato un sito molto popolare sul Web, ottenendo ottimi voti in diverse classifiche su Internet. Ha generato il riconoscimento come sesto miglior sito nella “top ten” di Point Communications, ed è stato quasi immediatamente inserito nella “lista delle cose più belle” di Yahoo e nella “nuova lista” di Netscape. Il sito si è aperto con un database ricercabile di oltre un milione di titoli. I clienti potevano inserire le informazioni di ricerca, spingendo il sistema a setacciare il database aziendale e a trovare i titoli desiderati. Il programma visualizzava quindi le informazioni sulla selezione sullo schermo del computer del cliente, dandogli la possibilità di ordinare i libri con carta di credito e di farli spedire in pochi giorni.

Da quel momento in poi la crescita di Amazon è stata inarrestabile!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi