Turismo spaziale, investimenti in crescita e sfide sempre più accese

Il turismo spaziale sta prendendo piede con sempre maggiore vigore ed è sempre più elevato il livello della contesa. Jeff Bezos ha ad esempio in programma di lanciarsi ai confini dello spazio il 20 luglio, ma il collega miliardario Richard Branson potrebbe ancora provare a volare prima con Virgin Galactic.

Il top manager di Virgin Galactic ha precedentemente dichiarato che l’azienda avrebbe condotto altri tre voli spaziali per completare i test di sviluppo del veicolo spaziale VSS Unity. L’azienda sta lavorando per cominciare a volare i passeggeri paganti all’inizio di 2022, avendo completato il mese scorso una missione riuscita con appena due piloti. Secondo quel piano, il primo di quei prossimi tre voli porterebbe quattro passeggeri per testare la cabina del veicolo spaziale, il secondo sarebbe con Branson, e il terzo sarebbe volare membri dell’Aeronautica Militare Italiana per la formazione professionale degli astronauti.

Ma un rapporto all’inizio di questo mese da un blogger con sede a Mojave, in California – dove Virgin Galactic produce i suoi veicoli – ha detto che la società sta valutando di riorganizzare il suo programma di volo per lanciare Branson dopo, invece del secondo. Sarà così?

I piani di Virgin Galactic

Virgin Galactic non ha confermato o negato che sta considerando una riorganizzazione del suo programma di voli spaziali, che il CEO Michael Colglazier ha sottolineato in un’intervista alla CNBC. “So che c’è molto interesse e speculazione, ma non abbiamo annunciato né la data né le persone che sarebbero su questi voli“, ha detto Colglazier. “Abbiamo altri tre voli nel nostro programma di volo di prova. Siamo su questa strada e continueremo su questa strada”.

La Virgin Galactic di Branson, fondata nel 2004, e la Blue Origin di Bezos, fondata nel 2000, sono in competizione per portare i passeggeri su brevi voli al limite dello spazio, un settore noto come turismo suborbitale. I veicoli spaziali delle aziende raggiungono un’altitudine di circa 80 – 100 chilometri, trascorrendo alcuni minuti galleggiando in microgravità.

Le azioni di Virgin Galactic sono saltate più del 30% nel trading di venerdì, dopo aver annunciato che la FAA ha concesso all’azienda la licenza necessaria per far volare i passeggeri nei futuri voli spaziali. “Il programma di test di volo si sposta ora da … alcuni degli aspetti tecnici – che stavamo continuando a provare per noi stessi e per la FAA – e stiamo ora passando all’esperienza della cabina“, afferma Colglazier. “Il primo di questi [i prossimi tre voli spaziali] abbiamo detto che avrebbe avuto quattro specialisti di missione, il secondo pure, e poi uno seguito dagli astronauti italiani”.

Una corsa contro il tempo

Più di due anni fa, quando Virgin Galactic ha volato il suo primo e secondo volo spaziale, la compagnia ha impiegato 71 giorni per girare la navicella tra i lanci. Ottenere il prossimo volo spaziale lanciato entro il fine settimana del 4 luglio richiede la preparazione della navicella in soli 43 giorni. Ma un tempo di rotazione di 71 giorni significherebbe che il prossimo volo spaziale di Virgin Galactic verrà lanciato il 1° agosto, un paio di settimane dopo i piani di Bezos.

Tuttavia, Virgin Galactic ha lanciato voli di prova a razzo più rapidamente prima. Mentre l’azienda stava dilagando nei test nel 2018, ha lanciato VSS Unity su tre voli alimentati a razzo ad alta quota sempre più vicini al raggiungimento dello spazio. Quei tre voli a razzo – lanciati il 5 aprile, il 29 maggio e il 26 luglio 2018 – hanno visto l’azienda girare VSS Unity in 54 giorni e 58 giorni, rispettivamente.

Lanciare prima del 20 luglio richiederebbe che Virgin Galactic prepari VSS Unity in 58 giorni o meno – in sostanza, più velocemente che mai prima. Per ora, Colglazier ha detto che Virgin Galactic non è “solo a un punto” per parlare di tempi del prossimo volo spaziale. “Ci avviciniamo a questo in modo molto metodico, con la sicurezza come prima considerazione, e quando abbiamo tutte quelle caselle controllate e tutti i passi a posto – è allora che possiamo andare avanti e annunciare“, ha detto Colglazier.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi