Come si creano i benchmark?

Qualche giorno fa abbiamo parlato dei benchmark, e del modo con cui questi indicatori possono generare un buon punto di riferimento per la propria strategia di investimento. Ma come si creano?

In linea di massima, i principali fornitori di indici utilizzano criteri specifici e predeterminati, come le dimensioni e i rating di credito, per determinare quali titoli sono inclusi in un determinato indice. Le metodologie degli indici, i rendimenti e altre statistiche sono solitamente disponibili attraverso il sito web dell’editore dell’indice o attraverso servizi di notizie specializzati.

Generalmente, invece di calcolare la media dei prezzi dei titoli azionari o obbligazionari, gli indici pesano ogni componente in maniera diversa, con la ponderazione più comune che si basa sulla capitalizzazione di mercato. Le aziende con un numero maggiore di azioni o debiti in circolazione ricevono una ponderazione più elevata e quindi hanno una maggiore influenza sulla performance dell’indice. Di conseguenza, grandi oscillazioni dei prezzi delle azioni o delle obbligazioni delle società più grandi possono creare grandi movimenti di prezzo in un indice.

Per ridurre la volatilità che può derivare dalla ponderazione della capitalizzazione di mercato e migliorare potenzialmente la performance, negli ultimi anni sono emerse metodologie di indicizzazione alternative, come l’indicizzazione fondamentale, che seleziona e pondera le aziende utilizzando fondamentali quali vendite, flusso di cassa, valore contabile e dividendi.

Come vengono utilizzati i benchmark per monitorare la performance

La differenza tra la performance, o rendimento dell’investimento, di un singolo portafoglio e il suo benchmark è nota come tracking error. Tipicamente riportato come percentuale di deviazione standard, l’errore di tracciamento può essere sia positivo che negativo.

Quando un portafoglio è gestito attivamente, l’errore di tracciamento può riflettere le scelte di investimento effettuate dal gestore attivo nel tentativo di migliorare la performance. Se il gestore attivo ha successo, il tracking error è positivo e il portafoglio supera il benchmark; in caso contrario, il portafoglio sottoperforma il suo benchmark.

Un portafoglio d’investimento, sia esso gestito attivamente o passivamente, può detenere titoli diversi dal suo benchmark per altri motivi. Ad esempio, il benchmark può contenere così tanti titoli che non è pratico detenerli tutti, oppure può contenere titoli difficili da acquistare, spingendo il gestore del portafoglio a sostituire titoli simili. In entrambi i casi, può verificarsi un errore di tracciamento.

L’errore di tracciamento può anche verificarsi quando i componenti di un indice cambiano. Un’obbligazione può essere sostituita in un indice a causa di un declassamento del credito o un’azione può essere sostituita con quella di una società a crescita più rapida.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi