Ferragamo chiude semestre con risultati contrastanti

Salvatore Ferragamo ha annunciato di aver chiuso il primo semestre con ricavi di periodo in crescita su base annua dell’1 per cento a quota 718 milioni di euro. Una flessione comunque attesa che, anzi, ha permesso con tale contenimento di superare le stime di consenso ferme a 716,4 milioni di euro. Le notizie sono invece meno positive se si scendono le righe del conto economico riclassificato, dove troviamo un EBITDA che ha registrato una flessione del 17,9 per cento anno su anno, pari a 136 milioni di euro, e dunque in grado di attestarsi in questo caso al di sotto dei 141 milioni di euro che erano statu indicati dal mercato.

Oltre alla marginalità, i dati di periodo di Salvatore Ferragamo manifestano anche una flessione da parte dell’utile di pertinenza del gruppo, che ha registrato una contrazione del 13,1 per cento a 78 milioni di euro. Ferragamo ha comunque confermato l’outlook per l’intero esercizio considerato come un anno di transizione, e che dovrebbe concludersi con risultati in linea con quelli che erano stati condivisi durante la pubblicazione dei target di esercizio. Il prossimo appuntamento è con la nuova trimestrale, che dovrebbe fornire risultati più incoraggianti sul fronte di margini e redditività.

Tra gli altri titoli sotto l’attenzione principale degli analisti finanziari in questi giorni, rileviamo una interessante intervista al Corriere della Sera, nella quale il Ministro dell’Economia francese ha illustrato la sua proposta sulla vicenda legata al controllo di Stx France, che prevede che Fincantieri detenga il 50 per cento del capitale ma con un ruolo preponderante in caso di parità nel Consiglio di Amministrazione. Vedremo se nelle prossime settimane una simile proposta – per il momento rigettata dal governo italiano – si farà strada nei piani tricolori…

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *