Migliora l’indice di fiducia in Germania

L’indice ZEW sulle attese è salito a gennaio da 13,8 punti a 16,6 punti, per un livello che gli analisti hanno prontamente ricordato essere il massimo dallo scorso giugno a questa parte. L’indice sulla situazione corrente è salito a 77,3 punti da 63,5 punti, ampiamente al di sopra della media di lungo termine ed un massimo dal 2011. Anche l’indice sulle attese per la zona euro è migliorato ulteriormente a 23,2 punti da 18,1 punti.

L’indagine ZEW potrebbe essere stata influenzata positivamente dai movimenti sull’azionario e cambio euro dell’ultimo mese, tuttavia il miglioramento dell’indice sulla situazione corrente indica che la fase di crescita più sostenuta dell’economia tedesca a fine 2016 continua.

Tra gli altri dati macro europei recentemente pubblicati, ricordiamo come in Francia il deficit dello Stato (che include tutte le amministrazioni locali e i servizi sociali) sia diminuito a 68,9 miliardi di euro nel 2016 a fronte di una previsione iniziale del governo di 72,3 miliardi di euro, in calo di 1,5 miliardi di euro rispetto al 2015 e ai minimi dal 2008. È quindi verosimile che l’obiettivo 2016 del deficit al -3,3 per cento sarà raggiunto, stante che le stime del Governo sul PIL sono state confermate. Il debito per il 2015 è stato corretto al rialzo a 70,5 miliardi di euro. Il dato per il 2016 aggiunge credibilità all’obiettivo 2017 che dovrebbe vedere il deficit ritornare sotto la soglia del 3 per cento dopo anni di rinvii. I dati definitivi saranno tuttavia pubblicati solamente nella data del prossimo 24 marzo 2017.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi