Poste Italiane assume nuovi postini nel 2018

Poste Italiane sta tornando ad assumere postini in tutto il territorio italiano in vista del 2018. Ricordiamo pertanto che la compagnia postale ha previsto come termine quello del prossimo 3 gennaio 2018 per poter presentare la propria candidatura direttamente attraverso il proprio sito internet, al fine di inoltrare la richiesta di assunzione e, ancor prima, conoscere la disponibilità della assegnazioni territoriali. Ma quali sono i requisiti per potersi candidare?

Con l’occasione rammentiamo che per potersi candidare a ricoprire il ruolo di postini per Poste Italiane non sono attualmente previste delle conoscenze specialistiche da un punto di vista professionale, ma solamente alcuni requisiti generici, peraltro già previsti in occasione delle candidature degli scorsi mesi.

In particolare, come ricordato sul sito internet di Poste Italiane, è previsto il possesso di un diploma di scuola media superiore con votazione minima 70/100 o diploma di laurea, anche triennale, con votazione minima 102/110. Non saranno dunque assunte in considerazione le candidature prive del voto del titolo di studio. È invece richiesto il possesso di una patente di guida in corso di validità per la guida del motomezzo aziendale. Solamente per la provincia di Bolzano è altresì domandato il possesso del patentino del bilinguismo.

Infine, come ultimo requisito richiesto dall’azienda, rammentiamo il possesso di una condizione di idoneità generica al lavoro che, nell’ipotesi di assunzione, dovrà essere documentata dal certificato medico rilasciato dalla USL/ASL di appartenenza o dal proprio medico curante (con indicazione sullo stesso certificato del numero di registrazione del medico presso la propria USL/ASL di appartenenza).

Qualora assunti, sarà possibile lavorare in Poste Italiane con un Contratto a Tempo Determinato a decorrere da gennaio 2018, in relazione alle specifiche esigenze aziendali.

Per poterne sapere di più vi consigliamo di consultare il sito internet posteitaliane.it.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *