Mediaset – Vivendi, sei mesi per la prima udienza su Premium

mediaset-141023150826_mediumE’ prevista per il prossimo 21 marzo la prima udienza della causa civile che è stata intestata da Mediaset contro Vivendi, per la mancata cessione della pay tv Premium, al gruppo francese di Vincent Bollorè. Come preannunciato ampiamente a mezzo stampa e alla controparte, Mediaset e la controllante Fininvest si sono rivolte alla giustizia civile per poter obbligare i francesi a rispettare i termini dell’accordo dell’8 aprile scorso, sull’acquisto dell’intero pacchetto di partecipazioni di Premium. L’operazione avrebbe dovuto chiudersi per il 30 settembre, ma Vivendi ha compiuto un corposo ripensamento.

In virtù di ciò, lo scorso 19 aprile Mediaset aveva annunciato di aver intentato un’azione legale contro i francesi per poter ottenere, via giuridica, l’esecuzione dell’accordo concluso in primavera, oltre a una richiesta di risarcimento dei danni. I termini dell’accordo, ricordiamo, prevedevano anche uno scambio azionario del 3,5% del capitale, e la vendita della quota di Mediaset nella pa tv Mediaset Premium).

Il 25 luglio è invece arrivata una inversione di marca, con Vivendi che ha proposto a Mediaset una struttura alternativa, che prevede lo scambio del 3,5% del capitale della società francese contro il 20% di Premium e il 3,5% del gruppo Mediaset, oltre a un’emissione da parte di Mediaset di obbligazioni convertibili in azioni Mediaset in favore di Vivendi, con scadenze annuali successive, in maniera tale – annunciavano i francesi – di poter allineare pienamente gli interessi dei due gruppi.

Un’offerta che però Mediaset ha rispedito immediatamente al mittente, domandando a gran voce un risarcimento dei danni e l’effettuazione delle operazioni previste nell’accordo originario di aprile, per il momento totalmente disattese da parte del gruppo di Vincent Bollorè.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *